Gruppi di gioco educativo psicomotorio

PER
BAMBINI
2,5-7 anni

Descrizione

Attività che utilizza il movimento ed il gioco spontaneo per promuovere l’armonico sviluppo motorio, cognitivo, affettivo e relazionale del bambino.

L’obiettivo del progetto è quello di accompagnare e sostenere il bambino nel suo percorso maturativo, tenendo presente i bisogni educativi e formativi corrispondenti all’età. La sala viene divisa in due ampi spazi. L’area sensomotoria in cui l’espressività motoria del bambino è lasciata libera. Il bambino, nell’agire le arrampicate, l’equilibrio, i salti, sperimenta il piacere del movimento. La seconda area è attrezzata per il gioco simbolico e di imitazione: grossi cubi, prismi e cilindri morbidi e la cesta dei travestimenti, consentono il piacere di mettere in scena emozioni e sentimenti.

Il bambino viene accolto nella sua interezza, può costruire, smontare e rimontare, in una sequenza positiva di “distruzione” e di “costruzione”.Il bisogno di attivarsi viene colmato. I cubi vengono utilizzati per costruire case, ponti, castelli, montagne. Si creano storie e coreografie che il bambino può dinamicamente mutare creando immagini alle sue emozioni, ai suoi sentimenti, ai suoi affetti.

Condividere, comunicare e verbalizzare l’esperienza vissuta, dona al bambino la tranquillità necessaria per concentrarsi nel momento dedicato all’esperienza creativa e cognitiva nello spazio dedicato: lo spazio delle rappresentazioni. Il bambino può, e sa, fermare il corpo, per attivare i pensieri. Il bambino disegna, manipola la creta o la plastilina, crea favole o dipinge in tranquillità e attenzione. Il saluto finale è un vero e proprio rito. L’esperienza “ben” conclusa consente la rielaborazione, la memorizzazione e la verbalizzazione e soprattutto la gioia di ripetere. 

A chi si rivolge

Bambini 2,5-7 anni

Durata

1 incontro a settimana per un quadrimestre

Quando

Martedì 16,30 e 17,30
STAMPA

Gruppi di aiuto psicomotorio terapeutico

PER
BAMBINI

Descrizione

Seduta psicomotoria in cui la modalità di essere con il bambino in sala privilegia l’osservazione, il dare fiducia e il facilitare l’espressione spontanea del movimento, per facilitare il pensiero.

Il gruppo ha una funzione di sostegno, di prevenzione e di stimolo dal punto di vista motorio, psichico e cognitivo.

L’obiettivo e la programmazione del corso vengono progettati sul singolo caso in accordo con le famiglie e gli educatori.

La tecnica psicopedagogia utilizzata prevede di accogliere tutto ciò che il bambino può raccontare di sé nel gioco, attraverso la comunicazione verbale, gestuale, corporea e simbolica; accetta l’azione spontanea del bambino pur dirigendone l’attività in modo da favorire la comunicazione dei bambini fra loro, la relazione con gli adulti presenti in sala, l’apprendimento di nuove capacità nel duplice aspetto del movimento e del pensiero. La seduta si divide in due tempi: la prima parte in cui è lasciato libero spazio all’espressività motoria (movimento e giochi simbolici) e una seconda parte in cui si lascia libero spazio alla rappresentazione grafica e plastica.

Il bambino è accompagnato, attraverso la condivisione dei giochi, la disponibilità nel saper attendere il momento adeguato, all’introduzione di nuove regole, nuove proposte, in modo da favorire la dimensione emozionale e affettiva.

Si valorizza l’attività spontanea, la creatività e, attraverso i contrasti fondamentali, l’apprendimento delle nozioni di base. La durata di ogni percorso si definisce con la famiglia secondo le necessitò del singolo bambino. 

A chi si rivolge

Il progetto è rivolto ai bambini frequentanti la scuola materna o elementare che abbiano particolari bisogni riabilitativi o psicopedagogici. È possibile formare gruppi da 3 a 8 bambini o programmare sedute individuali. 

STAMPA